Diminuzione del potere d'acquisto di una moneta dovuta a una situazione inflazionistica. Provvedimento con cui, per combattere l'inflazione e ridurre il conseguente squilibrio della bilancia dei pagamenti favorendo le esportazioni e ostacolando le importazioni, viene diminuito il valore di una moneta nazionale, in rapporto alle altre valute estere.

Attualmente nessun contenuto è stato classificato con questo termine.