Fisco e Tasse

2023-01-15

Decreto trasparenza prezzo carburanti: sanzioni fino a 6.000 euro per chi non li espone

Pubblicato in GU n 11 del 14 gennaio 2023 il Decreto trasparenza prezzi carburanti che introduce disposizioni urgenti:

  • in materia di trasparenza dei prezzi dei carburanti 
  • in materia di rafforzamento dei poteri di controllo e sanzionatori del Garante prezzi.

Decreto trasparenza prezzo dei carburanti: le misure in vigore dal 14 gennaio

Sinteticamente il decreto prevede che:

  • nel periodo gennaio-marzo 2023, il valore dei buoni benzina ceduti dai datori di lavoro privati ai lavoratori dipendenti, nel limite di euro 200 per lavoratore, non concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente (Leggi anche Buoni benzina 2022: i vantaggi per l'impresa e il dipendente);
  • si rende giornaliero l’obbligo per gli esercenti l’attività di vendita al pubblico di carburante per autotrazione per uso civile di comunicare il prezzo di vendita praticato. Il Ministero delle imprese calcola e pubblica il prezzo medio giornaliero nazionale. Tale prezzo deve essere esposto, con specifica evidenza, da parte degli esercenti insieme al prezzo da essi praticato;
  • si rafforzano le sanzioni amministrative in caso di violazione, da parte degli esercenti, degli obblighi di comunicazione e pubblicità dei prezzi. In caso di recidiva, la sanzione può giungere alla sospensione dell’attività per un periodo da sette a novanta giorni;
  • si rafforzano i collegamenti tra il Garante prezzi e l’Antitrust, per sorvegliare e reprimere sul nascere condotte speculative. Allo stesso fine, si irrobustisce la collaborazione tra Garante e Guardia di Finanza;
  • viene istituita una Commissione di allerta rapida per la sorveglianza dei prezzi finalizzata ad analizzare – nel confronto con le parti – le ragioni dei turbamenti e definire le iniziative di intervento urgenti.

Decreto trasparenza prezzo dei carburanti: obblighi per gli esercenti

Il Ministero delle imprese e del made in Italy, ricevute le comunicazioni sui prezzi dei carburanti provvede all'elaborazione dei dati, calcola la media aritmetica, su base regionale e delle province autonome, dei prezzi comunicati e ne cura la pubblicazione sul proprio sito istituzionale. 

I dati sono pubblicati in formato aperto al fine di consentire la elaborazione di applicazioni informatiche e servizi fruibili anche a mezzo di dispositivi portatili. 

La frequenza, le modalita' e la tempistica delle comunicazioni sono definite con decreto del Ministro delle imprese e del made in Italy da adottarsi entro quindici giorni dal 14 gennaio 2023.

Gli esercenti l'attività di vendita al pubblico di carburante per autotrazione, ivi compresi quelli lungo la rete autostradale, entro quindici giorni dalla data di adozione del decreto di cui sopra, adeguano la cartellonistica di pubblicizzazione dei prezzi presso ogni punto vendita,  con l'indicazione della media aritmetica dei prezzi di riferimento definita.

In caso di violazione di tali disposizioni si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500 a euro 6.000. 

Dopo la terza violazione, puo' essere disposta la sospensione dell'attivita' per un periodo non inferiore a sette giorni e non superiore a novanta giorni.

L'accertamento della violazione delle disposizioni è effettuato dalla Guardia di finanza, anche avvalendosi dei poteri di accertamento di cui all'articolo 41-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, tenuto conto dei dati rilevati dal Ministero delle imprese e del made in Italy, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. 

All'irrogazione delle sanzioni provvede il Prefetto. 

Altre news

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Fisco e Tasse

2023-02-02

Pubblicato in GU n 26 del 1 febbraio il Decreto 28 dicembre 2022 con i Canoni di abbonamento speciale alla radiodiffusione per l'anno 2023. In particolare, per  l'…

Fisco e Tasse

2023-02-02

In data 1 febbraio il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti ha risposto alla Camera dei deputati ad alcune interrogazioni parlamentari a tema…

Fisco e Tasse

2023-02-02

Con Risposta n. 176/2023 le Entrate forniscono chiarimenti sul trust e in particolare viene specificato che se il soggetto disponente viene a mancare, tra i beni e…