INPS

2022-11-22

ASD ed enti sportivi: mini proroga contributi sospesi nel DL Aiuti Quater

Il DL 17/2022 (DL “Energia e appalti”), aveva previsto  un ampliamento della  sospensione dei versamenti fiscali e contributivi che era stata disposta dalla legge 234 2021 (legge di bilancio 2022) per federazioni, associazioni e società sportive  (v sotto le istruzioni precedenti) impegnati in competizioni nazionali e internazionali alla data del 1 gennaio 2022.

AGGIORNAMENTO 16 LUGLIO 2022

Con la conversione in legge del decreto Aiuti (50-2022)  era stata prevista la proroga sospensione dei versamenti fiscai, contributivi previdenziali e assicurativi fino al  30 novembre 2022. La nuova scadenza slittava quindi al 16 dicembre 2022.

AGGIORNAMENTO 22 NOVEMBRE 2022

Il Governo Meloni con il decreto Aiuti Quater n. 174 2022 pubblicato in GU il 18.11.2022 ha prorogato al 22 dicembre il termine per i versamenti sospesi  in scadenza fino  al  30 novembre ( vedi il dettaglio  sotto) .

Si attendono le iindicazioni dell'Agenzia delle entrate dell'INPS e dell'INAIL

Di seguito le istruzioni operative  fornite dall'INPS in occasione della prima proroga precedente, che dovrebbero essere riconfermate in un prossimo messaggio.

Sospensione versamenti INPS e INAIL per il settore sportivo

Erano stati sospesi con l’art. 1 comma 923 della L. 234/2021:

  •  i  versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (di cui agli artt. 23 e 24 del DPR 600/73), che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d’imposta
  • adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria
  • versamenti relativi all’IVA in scadenza
  • versamenti delle imposte sui redditi 

ATTENZIONE non beneficiano della sospensione i versamenti:

- relativi all’IRAP (non essendo quest’ultima un’imposta sui redditi);

- dovuti in conseguenza di atti emessi dall’Agenzia delle Entrate o dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione (anche qualora tali versamenti si riferiscano a importi oggetto di rateazione), nonché i versamenti  legati a ravvedimento operoso

La conversione in legge del decreto  17 ha anche previsto  che la ripresa dei versamenti sospesi debba avvenire senza applicazione di sanzioni e interessi:

  • in un’unica soluzione entro il 31 agosto 2022 (in luogo del 30 maggio 2022 previsto dalla legge di bilancio) oppure
  •  con versamento rateale per un massimo di 4 rate mensili di pari importo, pari al 50% del totale dovuto, da agosto a novembre  cui si aggiunge  un ultima rata il 16  dicembre 2022  per l'ulteriore 50%.  

In merito  era intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la circ. n. 3 del 4 febbraio 2022, precisando come nella sospensione rientrino solamente i versamenti in autoliquidazione, compresa la rateizzazione nei termini delle scadenze ordinarie.

Inoltre, possono essere oggetto della sospensione anche le rate relative alle rateizzazioni richieste a seguito dell’applicazione della sospensione disposta dal DL 18/2020 e dalla L. 178/2020.

Infine si ricorda che  anche i versamenti e adempimenti INAIL  per gli stessi soggetti erano stati sospesi dalla legge di bilancio.

 Le istruzioni sono state fornite con la circolare  n. 8/2022  e con la circolare n. 23 del 30 maggio sulle novità della conversione del DL 17 2022. 

Istruzioni INPS  per la ripresa dei versamenti previdenziali

Con la circolare 105   del 26 settembre  2022 che sostituisce  la precedente  circolare 64/2022 del 30 maggio, vengono fornite le  istruzioni  aggiornate  operative sulla ripresa di adempimenti e versamenti contributivi . Listituto precisa quali sono i contributi compresi e quali esclusi dalla sospensione e ricorda che 

Gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali (ivi compresi quelli relativi alla quota a carico dei lavoratori), sospesi per effetto delle disposizioni normative in oggetto, dovranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in unica soluzione entro il 16 dicembre 2022.

Entro la medesima data del 16 dicembre 2022, dovranno essere versate in unica soluzione le rate sospese dei piani di ammortamento già emessi, la cui scadenza ricada nel suddetto periodo temporale interessato dalla sospensione (dal 1° gennaio 2022 al 30 novembre 2022).

Compilazione Uniemens

Come già disposto dalla circolare n. 64/2022,  resta valido il codice di autorizzazione “7M”.

Ai fini della compilazione del flusso UniEmens, per i periodi di paga delle mensilità da dicembre 2021 a ottobre 2022, i datori di lavoro  inseriranno nell’elemento <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, <CausaleACredito> il codice “N979”, avente il significato di “Sospensione contributiva federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva e le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche. Legge n. 234/2021 art. 1 comma 923 e decreto-legge n. 17/2022 art. 7 comma 3 bis”; e le relative<SommeACredito> (che rappresenta l’importo dei contributi sospesi).

L'istituto ricorda che l'mporto dei contributi da dichiarare con il codice di sospensione “N979” non può eccedere l'ammontare dei contributi dovuti al netto delle quote associative.

I datori di lavoro che abbiano già provveduto all’invio del flusso di competenza luglio e agosto 2022 senza avere effettuato il relativo versamento (totale o parziale) dovranno inoltrare, nel caso in cui intendano avvalersi della sospensione, entro e non oltre 30 giorni dalla data di pubblicazione della  circolare, quindi  ENTRO IL 26 OTTOBRE 2022  un flusso di variazione della sola denuncia aziendale con l’esposizione del codice sopra indicato e del relativo importo.

Si ricorda, infine, che non si fa luogo al rimborso dei contributi previdenziali e assistenziali già versati.

Altre news

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Il Sole 24 Ore

2023-01-27

L'agevolazione fiscale prevista dal cosiddetto regime degli impatriati art 16 dlgs 147 2015   può essere applicata anche al le somme del trattamento di fine…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con il Provvedimento n. 24252 del 26 gennaio le Entrate hanno fissato al 20 settembre 2023 il termine per la comunicazione di cessione dei crediti d’imposta per l’…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con Risposta n 160 del 25 gennaio le entrate chiariscono che ai contratti di locazione a canone concordato, con opzione per la cedolare secca, stipulati in…