Correggere le anomalie ISA: la circolare delle Entrate

Con Provvedimento n 237932 del 24 giugno le Entrate definiscono le modalità con cui si mette a disposizione dei contribuenti tenuti alla applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) di cui all’articolo 9-bis del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96 o dei loro intermediari:

  • elementi e informazioni
  • al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione tra il contribuente e l’amministrazione fiscale,
  • anche in termini preventivi rispetto alle scadenze fiscali,
  • finalizzate a semplificare gli adempimenti, 
  • stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari
  • e favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili (disposizioni di attuazione dell’articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190).

In particolare, l’Agenzia delle entrate rende disponibili i seguenti elementi ed informazioni:

  • a) comunicazioni relative a possibili omissioni o anomalie nei dati dichiarati ai fini degli ISA, in allegato a REDDITI, rilevate dall’Agenzia delle entrate sia analizzando i dati stessi sia le altre fonti informative disponibili; 
  • b) risposte inviate dal contribuente, anche per il tramite del proprio intermediario, relative alle comunicazioni suddette utilizzando la specifica procedura informatica resa disponibile.

I contribuenti e i loro intermediari muniti di delega possono accedere agli elementi e alle informazioni, di cui alle lettere a) e b) consultando il “Cassetto fiscale” mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. 

Le comunicazioni di cui alla lettera a) sono anche trasmesse dall’Agenzia delle entrate, via Entratel, all’intermediario, se il contribuente ha effettuato questa scelta al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi e se l’intermediario ha accettato, nella medesima dichiarazione, di riceverle. 

All’interno dell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate (accessibile con le credenziali SPID, CIE, CNS o, nei casi in cui possono essere rilasciate, con le credenziali Entratel/Fisconline) l’utente visualizza un avviso personalizzato e, se ha registrato i propri contatti, riceve tramite posta elettronica e/o SMS (Short Message Service) o tramite posta elettronica certificata (PEC), un messaggio con cui è data comunicazione che la sezione degli ISA del “Cassetto fiscale” è stata aggiornata con la pubblicazione delle comunicazioni di cui alla lettera a) riguardante possibili omissioni o anomali.

Si segnala anche che le caselle funzionali di posta elettronica certificata, predisposte per le attività descritte sono denominate nel modo seguente: 

1) [email protected]

2) [email protected] 

Le anomalie oggetto di comunicazione non sono esplicitate all’interno dei messaggi di posta elettronica ordinaria e/o certificata ma sono reperibili esclusivamente all’interno del cassetto fiscale come precisato 

Le caselle di posta certificata non potranno essere utilizzate per rispondere ai messaggi. 

A tal fine ci si potrà avvalere esclusivamente dei sistemi informatici indicati dalla stessa agenzia .

Inoltre, i contribuenti, in relazione alle comunicazioni di cui alla lettera a) possono fornire chiarimenti e precisazioni utilizzando esclusivamente lo specifico software gratuito reso disponibile dall’Agenzia delle entrate sul proprio sito istituzionale.

Il software consente di descrivere, anche in modalità testuale, gli elementi ritenuti di utilità.

E' bene specificare che i contribuenti, anche in base alla conoscenza degli elementi e delle informazioni rese disponibili dall’Agenzia delle entrate, possono regolarizzare gli errori e le omissioni eventualmente commesse secondo le modalità previste dall’articolo 13 del d.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472, ossia con il ravvedimento operoso beneficiando della riduzione delle sanzioni in ragione del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni stesse, così come previsto dalla medesima norma. 

Infine, con l'allegato 1 il provvedimento individua i criteri, elencati per ordine di ipotetico rischio, in base ai quali sono state predisposte le comunicazioni di anomalia nei dati degli Isa. Clicca qui per accedere alle specifiche tecniche allegato 1
Sono state definite 23 diverse tipologie di casi, così suddivise:

  • 11 relative esclusivamente alle attività di impresa
  • 5 esclusivamente ad attività professionali
  • 7 a entrambe le tipologie di reddito.

Ti consigliamo anche il seguente approfondimento: Le cause di esclusione ISA 2022

Altre news

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Il Sole 24 Ore

2023-01-27

L'agevolazione fiscale prevista dal cosiddetto regime degli impatriati art 16 dlgs 147 2015   può essere applicata anche al le somme del trattamento di fine…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con il Provvedimento n. 24252 del 26 gennaio le Entrate hanno fissato al 20 settembre 2023 il termine per la comunicazione di cessione dei crediti d’imposta per l’…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con Risposta n 160 del 25 gennaio le entrate chiariscono che ai contratti di locazione a canone concordato, con opzione per la cedolare secca, stipulati in…