Salta al contenuto principale

Inps

2023-09-18

Fondo Clero 2023: contributi e regole di versamento

Nella Gazzetta Ufficiale  del  4 agosto 2023 è stato pubblicato il decreto interministeriale del 21 luglio 2023   che  come ogni anno ridetermina il  contributo dovuto dagli iscritti al Fondo di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica per l'anno precedente.

Il decreto statuisce che Il contributo a carico degli iscritti al Fondo  di  previdenza  del  clero e dei ministri di culto  delle  confessioni  religiose  diverse  dalla cattolica, 

  • e' aumentato, a decorrere dal 1°  gennaio  2022,  
  • passa da   euro 1.769,04 annui a 
  • euro 1.802,65 annui. 

AGGIORNAMENTO 15 SETTEMBRE 2023

Con il decreto 23 giugno 2023 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 settembre 2023 è stato anche adeguato il contributo a carico dello Stato, che passa da 

 a decorrere dal  1°  gennaio  2022,  da

  • euro 8.245.867,88 
  • ad euro 8.402.539,37.

Contributi Fondo Clero modalità di versamento 

Sulla base della circolare INPS 108 2022  si ricordano le seguenti modalità di versamento :

1. VERSAMENTO AUTONOMO DIGITALE  nel Portale dei Pagamenti – Fondo Clero del sito www.inps.it  solo nei casi  seguenti:

  • sacerdoti secolari cattolici esclusi dal sostentamento di cui alla legge 20 maggio 1985, n. 222;
  • ministri di culto acattolici tenuti all’assolvimento individuale sulla base di quanto disposto per ciascuna confessione dal relativo decreto ministeriale 
  • sacerdoti secolari cattolici e ministri di culto acattolici  che vogliano effettuare  contribuzione volontaria.

Con la modalità Avviso di Pagamento “pagoPA” l’interessato può effettuare il pagamento tramite canali, sia fisici che on line, di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) ad esempio:

  • agenzie della banca; 
  • home banking del PSP (riconoscibile dai loghi CBILL o “pagoPA”; il codice CBILL assegnato ad INPS è AAQV6); 
  • sportelli ATM abilitati delle banche;
  •  esercenti convenzionati aderenti al sistema “pagoPA” (tabaccherie, ricevitorie, edicole, bar, farmacie e supermercati);
  •  Uffici Postali.

2. VERSAMENTO UNICO A MEZZO BONIFICO per i pagamenti a carico dei seguenti soggetti:

  • Istituto centrale per il sostentamento del clero (ICSC), con riferimento ai sacerdoti cattolici rientranti nel sistema del sostentamento di cui alla legge n. 222/1985;
  • per gli enti delle diverse confessioni acattoliche, con riferimento ai propri ministri di culto nei casi in cui il decreto ministeriale, che ha esteso al culto l’applicabilità della legge n. 903/1973, preveda l’adempimento unico.

da effettuare esclusivamente con bonifico diretto in Tesoreria provinciale sulla contabilità speciale intestata alla Direzione provinciale di Terni:  IBAN: IT06H0100003245321200001248 -  BIC:BITAITRRENT valido anche per i versamenti all’interno dell’“area euro”.

ATTENZIOE L’utilizzo del bonifico viene eccezionalmente consentito anche ai singoli iscritti che si trovino all’estero  per i pagamenti a cui sono tenuti alle regolari scadenze  PREVIA  richiesta di autorizzazione preventiva alla Direzione provinciale di Terni.

Fondo sostentamento clero: beneficiari

Si ricorda che :

  • la contribuzione al Fondo clero ha natura obbligatoria e scaturisce dallo status di ministro di culto e che 
  • l’obbligo contributivo decorre dall’acquisizione dello status di ministro di culto o dall’inizio del ministero in Italia. 

Per l’accertamento di tale status è richiesta: 

- per i sacerdoti secolari, l'attestazione dell'ordinario che esercita sui medesimi la giurisdizione secondo le norme del diritto canonico; 

- per i ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica, l'attestazione da parte dei competenti organi della rispettiva confessione.

A decorrere dal 1° gennaio 2000 l'iscrizione al Fondo è estesa :

  • ai sacerdoti e ai ministri di culto non aventi cittadinanza italiana e presenti in Italia al servizio di Diocesi italiane e delle Chiese o Enti acattolici riconosciuti, nonché 
  • ai sacerdoti e ai ministri di culto aventi cittadinanza italiana, operanti all'estero 

Precisazioni per il clero cattolico

Con esclusivo riferimento al clero cattolico, l'INPS  segnala che: 

a) non esiste identità temporale tra obbligo contributivo e accesso al sistema di sostentamento;

b) il sostentamento interviene in un tempo successivo all’ordinazione o all’inizio del ministero in Italia e potrebbe essere anche escluso; 

c) grava unicamente sul ministro di culto la contribuzione dovuta nel periodo compreso tra ordinazione sacerdotale e inserimento nel sistema di sostentamento

L'istituto ricorda quindi alle Curie Diocesane a notificare alla Direzione provinciale di Terni tempestivamente le ordinazioni sacerdotali, le comunicazioni di inizio del ministero in Italia per gli stranieri, nonché a segnalare prontamente qualsiasi altra causa di variazione/cessazione dell’obbligo contributivo, allegando la relativa documentazione.

Differenze contributive  per periodi pregressi da pensionati

La circolare precisa infine che considerato che il contributo relativo al Fondo clero è legato all'aumento percentuale che ha dato luogo alla variazione degli importi di pensione e assume carattere definitivo solo a posteriori. Ne deriva che gli adeguamenti retroattivi sono dovuti anche dai pensionati per cui in tali casi sulle pensioni a carico del Fondo verranno impostati i recuperi delle differenze.

Altre news



Fisco e Tasse

2024-06-15

Domani 16 giugno che è domenica scade il termine ordinario per il versamento dell'acconto IMU 2024. Il termine ultimo per il pagamento slitta pertanto a lunedi 17…

Fisco e Tasse

2024-06-15

le entrate con una FAQ del 14 giugno hanno chiarito che per il pagamento della flat tax incrementale valgono i termini ordinari. Prima dei dettagli sul quesito e sulla…

Fisco e Tasse

2024-06-15

Nel pieno della campagna dichiarativa 2024, ricordiamo le scadenze del pagamento dell'irpef per i soggetti che presentano il Modello Redditi 2024. Oltre alla scedenza…