Salta al contenuto principale

Fisco e Tasse

2023-05-12

Regime di esenzione IVA: quando spetta per i corsi d'inglese?

Con Risposta a interpello 321 del 9 maggio le Entrate chiariscono che le lezioni di inglese fatturate agli istituti committenti da un ente che ha ottenuto l’esenzione per il “riconoscimento” vincolante dell’ufficio scolastico, sono senza IVA se: 

  • permangano i presupposti che hanno determinato l’applicazione del regime di favore, 
  • le prestazioni siano identiche a quelle del “riconoscimento” e non consistano nella mera messa a disposizione di docenti. 

L'istante afferma di svolgere corsi di formazione  di lingua inglese e di aver ottenuto il riconoscimento all'applicazione del regime di esenzione IVA così come previsto dall''articolo 10, comma 1, n. 20), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633

L'Istante dovrà erogare corsi di lingua per conto di due diverse società, ossia: 

a) ALFA, anch'essa in possesso dei requisiti di esenzione; 

b) BETA, priva dei requisiti di esenzione. 

Dato che dovrà fatturare questa prestazione a tali soggetti, chiede chiarimenti in merito all'applicazione del regime di esenzione di cui all'articolo 10, comma 1, n. 20) del Decreto IVA, fermo restando che il corso verrà fatturato ai discenti direttamente da ALFA e BETA.

In recepimento dell'articolo 132 della Direttiva CE n. 112 del 2006, l'articolo 10, primo comma, n. 20) del Decreto IVA prevede l'esenzione dall'IVA per «le prestazioni educative dell'infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da enti del Terzo settore di natura non commerciale, (...)». 

Detta disposizione subordina l'applicazione del beneficio dell'esenzione dall'IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l'altro soggettivo. Le prestazioni a cui si riferisce devono perciò essere: 

  • di natura educativa dell'infanzia e della gioventù o didattica di ogni genere, ivi compresa l'attività  di  formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale (requisito oggettivo);
  • erogate da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni (requisito soggettivo). 

In conformità con quanto precisato dalla circolare n. 22/E del 2008  (paragrafo 3), a seguito del parere tecnico vincolante espresso dall'Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, la Direzione regionale del Lazio dell'Agenzia delle entrate ha riconosciuto all'Istante, il regime di esenzione IVA previsto dall' articolo 10, primo comma, n. 20) del Decreto IVA. 

È  bene  ricordare che  tale  regime non  vale  per  tutte  le  attività  espletate  dalla Società, essendo circoscritto all'attività di natura educativa e didattica specificatamente riconosciuta.

L'Istante, pertanto, deve valutare se, in base agli accordi stipulati con gli istituti interessati, l'attività  che rende a loro  favore sia la stessa attività di  insegnamento per la quale ha ottenuto il  riconoscimento e non consista invece in  una mera messa a disposizione di  insegnanti,  in cui  il docente ''svolge  temporaneamente  compiti  di insegnamento sotto la responsabilità di quest'ultimo istituto'' (cfr sentenza della Corte di Giustizia UE, C­434/05 del 14 giugno 2007, par. 19, 22, 23). 

In quest'ultima fattispecie non ricorrono i presupposti per l'esenzione IVA in commento perché, come chiarito dalla stessa Corte, ''la messa a disposizione (di personale) dell'istituto destinatario di un docente in tali condizioni non può essere considerata, in quanto tale, come un'attività idonea a rientrare nella nozione di «insegnamento» ai sensi dell'art. 13, parte A, n. 1, lett. i), della sesta direttiva''.

Nel  rimandare a tale  sentenza  per ogni  ulteriore chiarimento, si ritiene che le prestazioni che la Società intende effettuare a favore dei discenti di Alfa e Beta siano esenti da IVA ai sensi dell'articolo 10, primo comma, n. 20) del Decreto IVA al ricorrere delle seguenti condizioni: 

  • 1.permangano in capo all'Istante i presupposti di fatto e di diritto in base ai quali la Direzione regionale del Lazio ha reso il citato parere; 
  • 2.le  prestazioni siano identiche  a  quelle oggetto  di  ''riconoscimento''  e  non consistano nella mera messa a disposizione di docenti, nel senso chiarito dalla Corte di Giustizia UE. 

Al ricorrere dunque di questi presupposti l'Istante può fatturare le prestazioni pattuite in esenzione da IVA agli istituti ''suoi committenti'',  ''riconosciuti''  o  meno.  

Le entrate specificano infine che, in merito alla prestazione di insegnamento che gli istituti suoi committenti a loro volta fatturano ai propri discenti, è dirimente il possesso del requisito del  ''riconoscimento''.  

Quindi si conclude che, 

  • mentre per le prestazioni d'insegnamento erogate da ALFA (in possesso dei requisiti per l'esenzione) si ritiene applicabile l'esenzione IVA  in commento, 
  • la mancanza dei medesimi requisiti in capo a BETA non permette di considerare le prestazioni rese da quest'ultima esenti da IVA ai sensi l'articolo 10, n. 20) del Decreto IVA.

Altre news



Fisco e Tasse

2024-06-15

Domani 16 giugno che è domenica scade il termine ordinario per il versamento dell'acconto IMU 2024. Il termine ultimo per il pagamento slitta pertanto a lunedi 17…

Fisco e Tasse

2024-06-15

le entrate con una FAQ del 14 giugno hanno chiarito che per il pagamento della flat tax incrementale valgono i termini ordinari. Prima dei dettagli sul quesito e sulla…

Fisco e Tasse

2024-06-15

Nel pieno della campagna dichiarativa 2024, ricordiamo le scadenze del pagamento dell'irpef per i soggetti che presentano il Modello Redditi 2024. Oltre alla scedenza…