Rientro cervelli: chiarimenti per i rientri precedenti al 2020

Con Comunicato stampa del 25 maggio le Entrate annunciano la Circolare n 17 recante chiarimenti sul regime agevolato per docenti e ricercatori.

In particolare, viene delineato il panorama normativo per chi ha trasferito la residenza in Italia prima del 2020 e intende continuare a usufruire dell’imposizione agevolata prevista per il rientro dei cervelli. 

Si chiarisce l’ambito applicativo dell’opportunità introdotta dall’ultima legge di Bilancio (Legge n. 234/2021) che permette a docenti e ricercatori di estendere il regime di favore fino ad un massimo di tredici periodi di imposta complessivi.

Bonus “rientro dei cervelli” allargato 

Il comunicato stampa riepiloga che con l’entrata in vigore della legge di Bilancio 2022, 

  • docenti e ricercatori rientrati in Italia dall’estero 
  • possono optare per l’estensione delle agevolazioni a otto, undici o tredici periodi di imposta complessivi, 
  • previo versamento di un importo in unica soluzione. 

Questa possibilità è assicurata a condizione che

  • i contribuenti siano stati iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero
  •  oppure che siano cittadini di Stati Ue, 
  • che abbiano già trasferito in Italia la residenza prima del 2020 
  • e che al 31/12/2019 fruivano nell’agevolazione prevista per il rientro dei ricercatori (articolo 44 del Dl n. 78/2010). 

Inoltre i contribuenti devono essere diventati proprietari di un’abitazione in Italia successivamente al trasferimento:

  • nei dodici mesi precedenti 
  • oppure entro diciotto mesi dalla data di esercizio dell’opzione
  • e/o avere da uno a tre figli minorenni.

L’opzione si perfeziona con il pagamento di un importo che varia in base al numero dei figli.

Bonus “rientro dei cervelli” allargato: figli under 18, vale l’anno del versamento 

L’Agenzia delle Entrate chiarisce come interpretare il requisito della presenza nel nucleo familiare di avere figli minorenni, anche in affido preadottivo. 

Questo requisito, spiega l’Agenzia, deve essere presente nel periodo di imposta in cui è effettuato il versamento. 

La circostanza che i figli compiano 18 anni in un momento successivo non determina pertanto la perdita dei benefici fiscali per l’intero periodo previsto.

Bonus “rientro dei cervelli” allargato: entro quando firmare il contratto di acquisto della casa

Un altro chiarimento fornito dalle Entrate riguarda il requisito di acquisto di un’unità immobiliare entro diciotto mesi dalla data di esercizio dell'opzione mediante il versamento. 

Il termine va calcolato secondo il calendario comune e comprende il periodo che arriva fino al giorno precedente la conclusione dei 18 mesi. 

Ad esempio:

  • in caso di versamento effettuato entro il 10 febbraio 2022
  •  l’acquisto dell’unità immobiliare dovrà essere concluso e perfezionato entro e non oltre il 9 agosto 2023. 

Altre news

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Il Sole 24 Ore

2023-01-27

L'agevolazione fiscale prevista dal cosiddetto regime degli impatriati art 16 dlgs 147 2015   può essere applicata anche al le somme del trattamento di fine…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con il Provvedimento n. 24252 del 26 gennaio le Entrate hanno fissato al 20 settembre 2023 il termine per la comunicazione di cessione dei crediti d’imposta per l’…

Fisco e Tasse

2023-01-27

Con Risposta n 160 del 25 gennaio le entrate chiariscono che ai contratti di locazione a canone concordato, con opzione per la cedolare secca, stipulati in…